Lungimirante crepitio, ritmato
protegge pensieri
risuolati di nuovo.
Vedo il vento attraversarmi
e assaporo
le novità dell’incedere
verso il fantastico
ignoto.

478 (2)
(Marzo 1985)